Roma-Real Madrid 2-1: dieci anni fa una notte indimenticabile

Roma-Real Madrid 2-1 2008

Ricordate la prima Roma di Luciano Spalletti? Era quella squadra che rendeva possibili le cose che sembravano impossibili: dalle vittorie a San Siro, diventate la normalità dopo anni di batoste, alle notti magiche di Champions League (no, Manchester non cancella le altre). Era quella Roma che divertiva e che aveva fatto scoprire al calcio europeo l’imprevedibilità del “falso nueve”. Ricordo il piacere di vederla giocare con azioni tutte di prima: palla avanti, palla indietro, palla larga per l’ala, palla dentro per il centrocampista arrivato a rimorchio e gol. La sera del 19 febbraio 2008 è una di quelle notti europee che non si dimenticano: Roma-Real Madrid, andata degli ottavi di finale di Champions davanti ai settantamila tifosi dell’Olimpico.

Embed from Getty Images

Roma-Real Madrid 2-1, la partita: i gol di Pizarro e Mancini

La Roma si presenta all’appuntamento con qualche acciacco (De Rossi e Totti ci sono nonostante l’influenza) e con il peso sul groppone delle critiche per la sconfitta contro la Juventus. Un periodo difficile, di scarsa brillantezza, che toglie certezze alla squadra.

Dopo la musichetta della Champions sono subito dolori: Robben va via sulla sinistra con un affondo micidiale, decelera e mette al centro innescando la fortunata combinazione Guti-Raul che porta al vantaggio spagnolo dopo appena otto minuti. È uno schiaffone che sembra essere il preludio di una serata amara e due minuti dopo arrivano altri pessimi segnali: Van Nistelrooy segna il 2-0, ma l’arbitro tedesco Fandel annulla per fuorigioco.

La Roma di Spalletti sbanda, pare sul punto di finire fuori strada, ma trova la forza per restare in partita: stringe i denti, corre, lotta e torna in pista a metà primo tempo, quando arriva il pareggio della svolta.

Il pari di Pizarro segue lo schema classico spallettiano: palla indietro, palla larga di Totti per Mancini e cross forte e basso al centro dove il “Pek” arriva prima di tutti a raccogliere la respinta di Gago (futuro romanista) in anticipo sul capitano romanista.

È solo l’inizio, al 58′ arriva il sorpasso al Real: campanile di Mexes, giocata geniale di Totti che fa andare a vuoto un Heinze (altro futuro giocatore giallorosso) e mette Mancini davanti alla porta. Amantino sfida Casillas, lo fa andare a terra, poi lo supera e segna a porta ormai vuota. Freddo come a Lione, un anno prima.

Embed from Getty Images

Ora c’è solo la Roma, anche se il Real senza Robinho ha la stessa qualità infinita nei singoli e sfiora il pareggio (Van Nistelrooy centra un palo) quasi senza cercarlo. La squadra allenata da Bernd Schuster è fortunata quando l’arbitro Fandel “grazia” Diarra dopo una gomitata ad Aquilani.

L’allenatore del Madrid, a fine partita, minimizza la prestazione degli avversari convinto di ribaltare il risultato al ritorno: «La Roma? Nulla di nuovo sotto la luna. Ha confermato che per caratteristiche è una tipica squadra italiana, che preferisce giocare in contropiede». De Rossi invita alla calma: «Non voglio fare il gufo, ma voglio ricordare che questo è lo stesso risultato di un anno fa contro il Manchester. Noi comunque abbiamo imparato dai nostri errori e dopo il loro vantaggio siamo stati intelligenti e non ci siamo buttati in avanti, riuscendo a gestire la voglia di andare ad attaccare».

roma-real madrid 2-1 2008

Un’immagine della Curva Sud durante Roma-Real Madrid del 19 febbraio 2008 (fonte: asromaultras.org)

Dalla cronaca di Roma-Real Madrid di Luigi Ferrajolo per il Corriere dello Sport-Stadio: «La Roma è stata intelligentissima. Ha capito la musica, ha subito il palleggio dei madridisti un po’ per scelta e un po’ per necessità, ma sempre cercando la replica, il contropiede veloce e manovrato. ha ritrovato il suo Totti, geniale sul secondo gol, ha sollecitato a dovere Mancini, in gran forma, strepitoso nel firmare il raddoppio, bravo anche nel tenere a freno quella furia di Sergio Ramos. La difesa ha ballato molto sugli out, perché lì Robben ha fatto male dal’inizio alla fine, ma i due centrali hanno imbrigliato abbastanza Raul e Van Nistelrooy con l’aiuto di uno strepitoso De Rossi, capace di rompere il gioco, svettare in area, aiutare i compagni e ripartire».

Non è la prima vittoria contro il Real Madrid nella storia della Roma, era già accaduto perfino al Bernabeu nell’autunno del 2002, sempre in Champions. È invece la prima volta che la società giallorossa comprende di potersela giocare alla pari. E l’impresa del ritorno, il 5 marzo, ne sarà la dimostrazione.

Valerio Albensi su Twitter

Storia della Roma su Twitter

Roma-Real Madrid 2-1, formazioni e tabellino

ROMA (4-2-3-1): Doni; Panucci (22’ st Tonetto), Mexes, Juan (32’ st Ferrari) Cassetti; De Rossi, Pizarro (17’ st Aquilani); Giuly, Perrotta, Mancini; Totti. A disposizione: Julio Sergio, Cicinho, Vucinic, Taddei. Allenatore: Spalletti
REAL MADRID (4-1-3-2): Casillas; Sergio Ramos, Cannavaro, Heinze, Torres; Gago; Guti, Diarra (34’ st Baptista), Robben (34’ st Drenthe); Raul, Van Nistelrooy. A disposizione: Dudek, Salgado, Higuain, Balboa. Allenatore: Schuster
Arbitro: Fandel (Germania)
Guardalinee: Kadach e Wezel
Quarto uomo: Rafati
Marcatori: 8′ pt Raul, 25′ pt Pizarro, 13’ st Mancini.
Ammoniti: Diarra, De Rossi, Torres, Perrotta, Sergio Ramos, Cassetti.
NOTE: spettatori settantamila. Recupero: nel pt nessuno, nel st 3′.

Statistiche di Roma-Real Madrid
Tiri nello specchio: R 4, RM 3
Tiri fuori: R 2, RM 10
Fuorigioco: R 0, RM 4
Calci d’angolo: R 2, RM 3
Falli commessi: R 15, RM 19

Il percorso della Roma nella Champions League 2007-08

Fase a gironi – Classifica del gruppo F
1. Manchester United 16 punti (cinque vittorie, un pareggio)
2. Roma 11 (tre vittorie, due pareggi, una sconfitta)
3. Sporting Clube de Portugal 7 (due vittorie, un pari, tre sconfitte)
4. Dinamo Kiev 0 (sei sconfitte)

Le partite della Roma nella fase a gruppi
19-09-2007: Roma-Dinamo Kiev 2-0
02-10-2007: Manchester United-Roma 1-0
23-10-2007: Roma-Sporting Clube de Portugal 2-1
07-11-2007: Sporting Clube de Portugal-Roma 2-2
27-11-2007: Dinamo Kiev-Roma 1-4
12-12-2007: Roma-Manchester United 1-1

Ottavi di finale
19-02-2008: Roma-Real Madrid 2-1
05-03-2008: Real Madrid-Roma 1-2

Quarti di finale
01-04-2008: Roma-Manchester United 0-2
09-04-2008: Manchester United-Roma 1-0

Miglior marcatore: Mirko Vucinic 4 gol
Giocatori più presenti: David Pizarro e Daniele De Rossi con 10 presenze

La Roma in Coppa dei Campioni/Champions League alla fine della stagione 2007-08
Sei partecipazioni (1983-84, 2001-02, 2002-03, 2004-05, 2006-07, 2007-08): 59 partite, 21 vittorie, 18 pareggi, 20 sconfitte
Miglior piazzamento fino al 2008: finale (1983-84)

Dicci la tua

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Name the Sport