IL NOSTRO 1927. Attenta Fortitudo! Il Padova t’ha già battuto

Attilio Ferraris parenti

GIOVEDÌ 5 MAGGIO 1927. La Fortitudo attende per domenica a Roma il Padova nella quarta giornata della Coppa Coni. I veneti, allenati dal difensore Aldo Fagiuoli, erano già stati avversari della squadra di Ferraris IV (nella foto) in campionato, vincendo 2-1 a Roma e 5-3 a Padova. A proposito dell’incontro d’andata, giocato nella Capitale, “Il Messaggero” ricorda: «Dopo essersi, nel primo tempo, acquistato un vantaggio che doveva dargli la vittoria, il Padova seppe resistere nella ripresa alla travolgente offensiva dei rosso-bleu fortitudini che negli ultimi 45 minuti si imposero nettamente agli avversari. Ma la difesa dei bianchi fu in quel giorno superiore a ogni elogio e seppe infrangere qualsiasi sforzo dei valorosi giuocatori rosso-bleu».

ALL’ANDATA GOL DEL TERZINO ROSSI PER LA FORTITUDO
Era il 21 novembre 1926 e il Padova, dopo essere passato in vantaggio grazie ai gol di Vecchina al 40’ e Fagiuoli al 41’, aveva sofferto nel secondo tempo, incassando la rete della bandiera della Fortitudo all’89’, per merito del terzino Rossi.
«L’incontro terminato con la vittoria patavina – continua “Il Messaggero” – lasciò negli spettatori un ricordo incancellabile per la combattività e il valore mostrato dalle due squadre, ma la Fortitudo lasciò l’impressione di non essere inferiore ai tecnici avversari e, con un’altra tattica di giuoco, avrebbe potuto perlomeno conquistare il risultato pari».

Il match Fortitudo-Padova di domenica 8 maggio sarà preceduto da una partita di pallacanestro (o “palla al cesto” come si diceva più comunemente all’epoca) e dall’incontro del campionato ragazzi tra la Fortitudo e l’Ostiense.

Dicci la tua

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Name the Sport