IL NOSTRO 1927. Coppa Coni, l’Alba ha anche il vento come avversario

Coppa Coni

DOMENICA 10 APRILE 1927. Sconfitte per Alba (nella foto, una formazione degli anni ’20) e Fortitudo nella terza giornata della Coppa Coni 1927. I biancoverdi deludono al Motovelodromo Appio, povero di pubblico, lasciando il successo al Napoli, che finora non aveva mai vinto in gare ufficiali durante la stagione. «L’Alba ha giuocato come una squadra di terza divisione – scrive con tono critico il giornale “L’Impero” – senza impegno, fredda, inchiodata da un sistema di altri tempi che non ha fatto altro che metter in luce le troppe falle ora esistenti nelle linee bianco verdi. A questa si aggiunga l’incapacità per parte di chi di dovere, d’usare in determinate condizioni, di un piano tattico inteso a bilanciare le avverse condizioni atmosferiche, per spiegarsi la ragione di una così clamorosa sconfitta. È tattica elementare alla portata di ogni discreto intenditore del giuoco del calcio, che, contro vento, la squadra debba giuocare più in difesa che in attacco». 

Alba ko con il Napoli in Coppa Coni

«L’Alba – continua il quotidiano romano – doveva nel primo tempo giuocare contro vento, con cinque secondi facendo retrocedere i due mezzi, lasciando la prima linea con tre uomini, due ali e il centro. Invece i bianco verdi hanno svolto la partita regolarmente, con cinque attaccanti, così che la palla, continuamente ribattuta dal vento e dagli avversari, viaggiava nell’area di rigore romana con grave danno della difesa sottoposta così a una dura fatica. Questa permanenza nell’area di rigore romana ha permesso che nel primo tempo il Napoli segnasse due punti assicurandosi la vittoria».

ZIROLI COLPITO DA UN PUGNO, ESPULSO KREUTZER DEL NAPOLI
I partenopei vanno in gol all’8’ con Costa e al 27’ con l’austriaco Kreutzer (secondo altre fonti il raddoppio è firmato dallo stesso Costa o da Silvestri) mentre nella ripresa l’Alba, che tenta una disordinata reazione, firma il gol della bandiera con Giannelli al 49’, abile a deviare in rete una conclusione di Heger su azione di calcio d’angolo. Nel Napoli non brilla l’ala Sacchi mentre Costa e Silvestri sono tra i migliori in campo. Bravi anche i terzini Innocenti e Pirandello; attento il portiere Favi, chiamato più volte all’intervento. Migliori in assoluto del match sono i due centromediani Degni e Kreutzer. Buona, tra gli albini, la prova di Mattei, Giannelli e Galluzzi. A metà della ripresa Kreutzer, che funge anche da tecnico del Napoli, viene espulso per un pugno a Ziroli, ma gli azzurri riescono a portare a casa il successo senza grandi difficoltà pur in dieci uomini. Il fallaccio dell’allenatore-calciatore partenopeo provoca qualche tafferuglio in tribuna, tra tifosi di fazioni opposte.

A Roma, al campo dell’Olmo, si disputa la finale del campionato dei liberi, organizzato dall’U.L.I.C. (Unione Libera Italiana del Calcio), vinta 1-0 dalla Virtus Goliarda di Roma sull’Amatori Foot Ball Club. Il gol decisivo viene firmato da Scoccianti, su assist di Bonaccorsi, a dieci minuti dal fischio finale. Da registrare incidenti e un’invasione di campo all’88’ in seguito alle espulsioni di De Santis e Chiocchini, venuti alle mani. L’arbitro Fiorentini riesce a riportare l’ordine sul terreno di gioco per concludere il match regolarmente.

BATOSTA DELLA FORTITUDO CONTRO L’HELLAS DI MASETTI
Amara trasferta per la Fortitudo a Verona, dove l’Hellas, che schiera il futuro capitano romanista Guido Masetti tra i pali, si impone per 6-1. I capitolini tengono il campo alla grande per metà gara, facendosi più volte pericolosi, poi crollano nella ripresa. Al 12’ la formazione di Borgo Pio passa in vantaggio con Bramante, va al riposo in vantaggio, ma poi viene annientata da una tripletta di Giovanni Chiecchi e dalle reti di Recchia, Panonzini e del brasiliano Porta, idolo degli scaligeri.

Per quanto riguarda il campionato riserve la Fortitudo supera il Roman 8-0 mentre il Vittoria, surclassata con lo stesso punteggio dall’Alba, si ritira prima della fine del match. Successo 2-0 per forfait della Lazio sulla Juventus di Roma.

ALBA-NAPOLI 1-2
Reti: 8’ Costa II (N), 27’ Kreutzer (N), 49’ Giannelli (A).
Alba: Ballanti; Mattei I, Bianchi II; Giannelli, Degni, Caimmi; Ziroli, Heger, Galluzzi, Jacoponi, Chini Ludueña. All. Piselli.
Napoli: Favi; Innocenti I, Pirandello; De Martino, Kreutzer, Catapano; Gariglio II, Silvestri, Costa II, Sallustro I, Sacchi. All. Kreutzer.
Arbitro: Schiavina di Ferrara.
Note: Espulso a metà del secondo tempo Kreutzer del Napoli per un pugno a Ziroli.

HELLAS VERONA-FORTITUDO 6-1
Reti: 12’ Bramante (F), 54’ e 59’ Chiecchi III (V), 63’ Recchia (V), 72’ Panonzini (V), 82’ Chiecchi III (V), 84’ Porta (V).
Hellas Verona: Masetti; Carra II, Zuppini; Cavalleri II, Castiglioni, Cavalleri III; Porta, Morandi, Chiecchi III, Panonzini, Recchia.
Fortitudo: Rapetti; De Micheli, Corbjons; Ghisi II, Ferraris IV, Sansoni III; Puerari, Boros, Bramante, Cappa, Sbrana. All. King.
Arbitro: Bortoletti di Venezia.

Dicci la tua

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Name the Sport